A quattro passi dalla città

Rivista: Trekking & Outdoor
Editore: Clementi Editore
Luogo di pubblicazione: Genova
Data: Aprile 2010, anno XXVII, n° 234

Categoria: Tag: , ID:1058

Leggimi

Il primo acquedotto genovese fu costruito dai romani nel 200 a.C. ma di esso restano minime tracce; dal Medioevo in poi, col crescere della città, l’acquedotto allungò il suo percorso verso monte, acquisendo nuove prese d’acqua, nuove condutture, nuovi ponti-canali e alcuni grandiosi ponti-sifoni. Funzionò sino a metà Ottocento, poi fu gradualmente sostituito dai moderni impianti che prendono l’acqua da sorgenti e laghi artificiali nel più lontano entroterra. Oggi molti tratti dell’antica strada dell’acqua sono andati distrutti ma altri resistono e sono diventati un piacevolissimo percorso pedonale che offre la possibilità di osservare la città da un punto di vista curioso e insolito. Insolito perché attraversa nuclei rurali antichissimi, moderni quartieri residenziali, si nasconde in gallerie, ostenta l’eleganza architettonica dei suoi ponti un po’ fuori moda ma possenti; è bello seguirne la traccia quand’è evidente lungo i lastricati pianeggianti fra boschi e giardini, è emozionante trovarne i pochi resti nascosti nella boscaglia là dove le ingiurie del tempo e della disattenzione umana lo hanno colpito.

error: Il contenuto è protetto!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi