Alto Molise, sconosciuto cuore verde d’Italia

Rivista: Viaggia l’Italia
Rubrica: Vagabondando
Editore: Clementi Editore
Luogo di pubblicazione: Genova
Data: n°37, estate 2007

Leggimi

Lezione di geografia, oggi interrogo: parlatemi del Molise.
Quanti conoscono il Molise? Scommetto la barba di Italo Clementi che la maggior parte degli italiani a stento sanno dov’è, ‘sto Molise; e figuriamoci conoscerne l’artigianato, i suoi formaggi e i suoi vini, o i suoi musicisti…
Va ben che è piccolo e un po’ isolato, penultima regione italiana per superficie e popolazione, un po’ sperso fra quegli Appennini aspri e freddi, che nonostante questo bislacco non-inverno da Cappellaio Matto, a fine aprile c’era ancora la neve sulle Mainarde, nel parco che dal 1990 porta il nome politicamente corretto di Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.
L’Alto Molise è piccolo ma è bello; è verde di boschi, bianco di formaggi, rosso di vini e di salumi, nero di tartufi, insomma, è colorato come le altre regioni dell’Italia appenninica, tutte più famose e più visitate di lui; però è pieno di gente che sa entrare nella confidenza degli ospiti con una naturalezza e una spontaneità che non sempre è facile trovare nell’Italia più “navigata” turisticamente.

error: Il contenuto è protetto!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi