Colori della Penisola Sorrentina

Rivista: Viaggia l’Italia
Rubrica: Vagabondando
Editore: Clementi Editore
Luogo di pubblicazione: Genova
Data: n°32 primavera 2006

Leggimi

“…dandomi ancora la gioia infinita / di entrare in porti sconosciuti prima” Così Francesco Guccini in “Odysseus”, nel suo album “Ritratti” del 2004.
Forse meno infinita, ma la gioia per me sta anche nel rientrare in porti già conosciuti; magari non tanto noti, porti conosciuti appena appena, che quando ci torni ti senti un po’ come a casa di amici e un po’ straniero, e mantieni la curiosità dello straniero mescolandola però alla familiarità dell’amico che torna da amici. Ho sempre amato “tornare” in un luogo, il puro e semplice “lì ci sono già stato” non fa compiutamente per me. Si va per conoscere, si torna per conoscere meglio.
Per esempio amo tornare a Meta, nella penisola sorrentina, base di partenze per una settimana di vagabondaggi turistici e culinari su e giù per la Campania Felix. In primis nella lussureggiante, arzigogolata, policroma, profumatissima Penisola Sorrentina, che dal suo lato meridionale la si può chiamare Costiera Amalfitana con uguale successo.”

error: Il contenuto è protetto!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi