La Pasqua nelle altre comunità cristiane

Rivista: Gazzettino Sampierdarenese
Editore: S.E.S. – Società Editrice Sampierdarenese
Luogo di pubblicazione: Genova
Data: Marzo 2009, anno XXXVII, n°3

Leggimi

Pasqua è il giorno più importante dell’anno liturgico della Chiesa Cattolica, ma come si festeggia nelle principali comunità cristiane non cattoliche? Per gli ortodossi è la festa più importante, da trascorrere con la famiglia e gli amici più cari; essa generalmente non coincide con quella cattolica perché la chiesa ortodossa usa il calendario giuliano anziché quello gregoriano.
A mezzanotte del Sabato Santo il “pope” annuncia “Cristo è risorto”, spalanca le porte della chiesa e accende con la sua candela le candele di tutti i fedeli. Secondo la tradizione romena, a Pasqua si indossano abiti nuovi come simbolo di purificazione e per il pranzo familiare non possono mancare uova dipinte di rosso (cui la tradizione attribuisce poteri taumaturgici), ricotta di pecora, cipollotti e ravanelli, e la pasca che è una torta salata ripiena di agnello; si prepara un piatto per ricordare i defunti e il cibo deve essere sufficiente per offrirlo a chiunque bussi alla porta.

error: Il contenuto è protetto!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi