La tecnologia al servizio dell’insegnamento

Rivista: Gazzettino Sampierdarenese
Editore: S.E.S. – Società Editrice Sampierdarenese
Luogo di pubblicazione: Genova
Data: Ottobre 2013, anno XLI, n°8

Leggimi

L’Area della Ricerca di Genova del CNR

Il nome di San Pier d’Arena è conosciuto un po’ ovunque nel mondo anche perché in una delle torri vetrose e azzurrine di San Benigno il nostro quartiere ospita l’Area della Ricerca di Genova del CNR, il Consiglio Nazionale delle Ricerche (www.cnr.it). Al quindicesimo piano ha sede l’ITD, Istituto per le Tecnologie Didattiche (www.itd.cnr.it). Cosa esso sia  lo spiega il direttore, Rosa Maria Bottino, insieme a Vincenza Benigno e Mauro Tavella, due fra i diciotto ricercatori sul totale di una cinquantina di afferenti all’Istituto fra personale scientifico e amministrativo suddivisi nelle due unità di Genova e Palermo; Mauro Tavella è anche l’unico sampierdarenese in servizio attivo all’ITD, da quando il Professor Giorgio Olimpo non è più Direttore dell’Istituto.

Molto in breve, l’ITD si dedica allo studio dei processi di insegnamento e di apprendimento e dei sistemi deputati alla loro realizzazione, sistemi che fanno uso dovrebbero far uso delle  più  recenti  tecnologie dell’informazione e  della  comunicazione. La ricerca dell’Istituto ha quindi come riferimenti le scienze cognitive, l’informatica e le differenti pedagogie disciplinari, e si interessa a temi quali le tecnologie dell’informazione e della comunicazione come causa di nuove esigenze cognitive e come nuova risorsa per le attività di insegnamento/apprendimento; l’integrazione di codeste tecnologie nei vari contesti di apprendimento (la scuola, l’università, l’impresa, la formazione professionale, la cosiddetta “educazione permanente”); le problematiche specifiche di alcuni ambiti disciplinari (educazione linguistica, scientifica, ambientale…); alcune problematiche educative di importanza sociale (disabilità, difficoltà di apprendimento, svantaggio socioeconomico, rapporti interculturali…). Tutto ciò viene fatto collaborando con ministeri ed enti pubblici e privati italiani e internazionali che si occupano di educazione, quali il MIUR il Ministero dell’Istruzione, Ricerca e Università e le Università, i Comuni, le Regioni, le ASL, le scuole di ogni ordine e grado. Tra il 2010 e il 2013 l’ITD ha partecipato a una quindicina di progetti europei, diversi progetti nazionali e progetti regionali liguri. Inoltre fa attività di trasferimento tecnologico verso PMI (Piccole e Medie Imprese) ed enti locali e nazionali e partecipa a scuole di dottorato europeo sulle tecnologie educative e alle scuole di dottorato della Facoltà di Scienza della Formazione delle Università di Genova e di Venezia. Inoltre, dal 1993 l’ITD cura TD Magazine (www.tdmagazine.itd.cnr.it), la prima e più importante rivista italiana sulle tecnologie didattiche. Last but not least, dall’ITD è nata una società (la DIDIMA srl) che commercializza il software realizzato dall’Istituto per la didattica dell’algebra e fa attività di consulenza e formazione sulla didattica della matematica e sulle difficoltà del suo apprendimento.

SCARICA L’ARTICOLO

error: Il contenuto è protetto!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi