Ottant’anni in montagna e lungo le mura urbane

Rivista: Gazzettino Sampierdarenese
Editore: S.E.S. – Società Editrice Sampierdarenese
Luogo di pubblicazione: Genova
Data: Gennaio 2016, anno XLV, n°1

Leggimi

Buon compleanno al CAI di San Pier d’Arena

Sono tanti o pochi ottant’anni di vita? Per una persona sono un’età dignitosa, per un’associazione  sono un bel  traguardo  raggiunto,  per  una montagna… beh, per le Alpi e gli Appennini che hanno dato i loro primi vagiti intorno a trenta milioni d’anni fa, ottant’anni sono meno di un respiro, e anche se gli anni fossero centotré non cambierebbe molto. Centotré anni fa, il 20 marzo 1913 (si era ancora nella Bell’Epoque, come dire la preistoria…) un gruppo di escursionisti sampierdarenesi costituì la Società “Amici della Montagna”, che successivamente, a causa di vicende che ebbero a che fare con la Grande Guerra e col fascismo, chiese e ottenne l’affiliazione al Club Alpino Italiano, diventando, l’8 aprile 1936, la Sottosezione “Sampierdarena” della Sezione Ligure del CAI. Ottant’anni fa,  appunto.  Giusto in tempo per dover interrompere l’attività  durante  la  Seconda  Guerra Mondiale  ma  poi,  tornata la pace, la Sottosezione di San Pier d’Arena del CAI fu tutta un fiorire di iniziative rivolte ad adulti e giovani, tanto verso l’escursionismo quanto verso il vero alpinismo – che ha portato i soci sampierdarenesi  del  CAI  a salire  vette  di  ogni  continente,  dal  Monte  Bianco al  Kilimangiaro,  giusto  per nominarne un paio – e verso attività che nei primi tempi risultavano un poco bizzarre, come lo scialpinismo. Tra  le  attività  dei  tempi recenti  possiamo  ricordare che  nel  1997  presero  vita il   Gruppo   dell’Alpinismo Giovanile  –  che  insegna  ai ragazzi di ambo i sessi il corretto  modo  di  frequentare la montagna – e il Gruppo Sentieri che inaugurò il Percorso Storico-Naturalistico SampierdarenaForte Diamante, fornito di pannelli esplicativi sulle emergenze naturalistiche  e  storiche,  utilizzabile  anche dalle scolaresche; collegato a ciò ci fu l’impegnativo lavoro di pulizia e recupero di tratti delle fortificazioni delle Mura Nuove, che sono una meraviglia dell’architettura europea, se solo i genovesi dessero loro l’importanza e il rispetto che meriterebbero, anche dal punto di vista turistico.

L’11 giugno 2000 si realizzò per la prima volta una delle più geniali idee del CAI sampierdarenese: la “Rigantoca”, una marcia non competitiva che parte dal Righi, sale alla vetta del monte Antola e raggiunge il borgo di Caprile di Propata dopo un percorso affascinante e panoramicissimo di 42 chilometri. Fu ed è un trionfo, diciamolo senza false modestie: quest’anno si svolgerà la sedicesima edizione e i partecipanti arrivano ogni anno da molte nazioni del mondo. Dal 2006, grazie alle modifiche statutarie, questa è una Sezione del CAI a tutti gli effetti e il suo impegno ormai si estende anche al di fuori della cerchia delle Mura urbane, ad esempio con interventi lungo il “Sentiero Frassati” ligure e dal 2009 con la gestione di un tratto dell’Alta Via dei Monti Liguri.

C’è altro? Si,  ma  stanno  finendo le righe a disposizione per questo articolo; cito soltanto la costituzione del G.A.M.S. Gruppo Alta Montagna Sampierdarena, la Camminata d’Autunno “fra  Creuze  e  Porte,  Miage e Forti”, che saliscende da Teglia a Begato a Fregoso al Garbo al Forte Tenaglia con la collaborazione di numerosissimi enti locali e associazioni, la prossima visita al Parlamento Europeo a Strasburgo il 13 aprile, il recente Protocollo d’Intesa stipulato tra il Ministero dei Beni Culturali e del Turismo e il CAI “per la valorizzazione della rete sentieristica e dei rifugi montani per un turismo sostenibile e responsabile”, che coinvolge la Sezione di Sampierdarena sui sentieri e tra i rifugi delle montagne liguri. Di tutto il resto ne parleremo in una futura occasione. Contatti: www.caisampierdarena. org, caisampierdarena@inwind.it, via Battista Agnese 1 canc.

SCARICA L’ARTICOLO

error: Il contenuto è protetto!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi