Passeggiate nei giardini italiani

Rivista: La Casana
Editore: Carige
Luogo di pubblicazione: Genova
Data: 2007, anno XLIX, n°4
(pubblicato sotto pseudonimo)

Categoria: Tag: , , , , ID:670

Leggimi

Come in ogni autunno che si rispetti, anche in questo scorcio finale di 2007 il Gruppo Banca Carige ha dato alle stampe il suo calendario per l’anno nuovo, destinato a raggiungere le abitazioni e le sedi di lavoro dei clienti e degli amici sparsi per l’Italia e nel mondo.

Il tema scelto per illustrare lo scorrere del 2008 è quello delle “Passeggiate nei giardini italiani”. Ottima scelta, e per due buone ragioni; la prima è inerente a Genova, città in cui la Carige è nata e ha la sua sede centrale: per quanto Genova sia nota soprattutto come città di mare, di arte e di architettura, ci furono tempi in cui i suoi giardini e i suoi parchi ben figuravano di fronte a quelli delle più celebri città d’Europa. A permettere lo sviluppo della cultura del giardino in Liguria furono l’amenità del paesaggio, collinare e marino al tempo stesso, la mitezza del clima, la ricchezza della natura che resero la riviera ligure un paradiso dei sensi in senso sia profano sia religioso; c’erano pittori che alla fine del XV secolo ritraevano Genova a sfondo dei loro presepi e umanisti come Enea Silvio Piccolomini, il futuro papa Pio II, che la immaginavano dimora di Venere.
La seconda buona ragione è nazionale: l’Italia non è solo la creatrice di uno dei principali stili artistici dei giardini, quello classico detto appunto “all’italiana” ma è terra nella quale si trovano alcuni – molti – fra i più belli, più eleganti, più nobili giardini d’Europa.

Dodici dei quali sono stati scelti come meta delle “passeggiate” in cui Banca Carige accompagnerà coloro che riceveranno il suo calendario 2008; dodici come i mesi, certo, ma anche dodici come le regioni italiane nelle quali la Carige è presente attraverso le banche del suo gruppo e la rete delle loro filiali.

In realtà, i giardini del calendario 2008 non sono dodici bensì tredici; perché sulla copertina risplende in un gioco di verdi, di rosa e di blu il parco della villa Pallavicini di Genova Pegli. Fu per la genialità del marchese Ignazio Pallavicini che questo parco romantico fu creato intorno alla settecentesca villa di famiglia; il paesaggio scosceso permise la creazione di giochi d’acqua e di scenografie fiabesche e quando fu inaugurato nel 1846 suscitò entusiasmo presso i botanici di tutta Europa. Il parco è stato concepito come una sequenza teatrale di scene destinate a suscitare emozioni nei visitatori; lungo i viali si incontrano romitaggi, capanne e castelli, si attraversano grotte, laghi con pagode, ponti, si ammirano giochi d’acqua e alberi altissimi; in questo spettacolo il visitatore è invitato a tornare alla natura per poi recuperare il senso della storia oscura e magica del Medioevo e infine purificarsi spiritualmente.

Ancora Liguria per il mese di gennaio: i Giardini Botanici Hanbury ricoprono il promontorio di Capo Mortola godendo di uno dei microclimi più favorevoli dell’intera costa italiana. Furono voluti da Sir Thomas Hanbury intorno a una villa del Seicento, fra strapiombi e fasce di olivi, pini marittimi, viti e agrumi; furono realizzati dal 1867 col contributo di Daniel Hanbury, botanico e farmacologo, e dell’architetto del paesaggio tedesco Ludwig Winter, documentando scientificamente gli ecosistemi di provenienza delle piante ma senza rinunciare a suggestioni cromatiche o stilistiche. Sono 8 ettari di macchia mediterranea e 10 ettari di giardino di acclimatazione con 2000 specie di piante in gran parte provenienti dai paesi tropicali.

A febbraio si scende in Puglia, nei Giardini Isabella d’Aragona di Bari, adiacenti al Castello NormannoSvevo eretto nel 1131 e recuperato da Federico II di Svevia, imperatore del Sacro Romano Impero e innamorato della terra di Puglia. Il giardino si trova al confine tra Bari vecchia e la città moderna ed è un’area verde non molto grande ma importante per il centro di questa città, il cui principale “polmone verde” sono gli uliveti secolari che ricoprono le campagne circostanti. Anche fra i baresi, pochi sanno che in questo giardino c’è un bell’esemplare di Erythrina, un albero tropicale dai fiori rossi detto per questo Albero del corallo.

A marzo si risale al nord, a Villa Spada di Bologna. Questo è uno dei più vasti parchi collinari della dotta città con zone a bosco, prati e terreni coltivati. Villa Spada è settecentesca, fu realizzata dall’architetto Giovanni Battista Martinetti che progettò e realizzò anche il giardino all’italiana che unisce la villa al resto del parco. Villa e parco ebbero nei secoli numerosi proprietari e subirono varie vicende compreso un bombardamento bellico. Negli anni Sessanta del Novecento il Comune acquistò la villa e il giardino e anche se non potè restaurare l’architettura e la decorazione della villa restaurò il parco, destinandolo a uso pubblico.  …

SCARICA L’ARTICOLO

error: Il contenuto è protetto!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi