Un fratello tecnologico del quarzo

Rivista: Tuttoscienze
Editore: La Stampa
Luogo di pubblicazione: Torino
Data: 23 Aprile 1997

Categoria: Tag: , ID:1544

Leggimi

“Gli alchimisti dei secoli passati cercavano di trasformare i metalli vili in oro. Era un progetto ambizioso, destinato a fallire. I chimici e i fisici moderni cercano, invece, di creare sostanze nuove, qualcosa che la natura da sola non riesce a produrre. Ora non si parla più di alchimia ma di ricerca sui “materiali nuovi”. Si fa questo tipo di ricerca per ottenere cristalli, leghe metalliche o composti organici che abbiano proprietà fisico-chimiche insolite o semplicemente migliori di quelle possedute dai materiali naturali. Un materiale nuovo con proprietà interessanti è l’ortofosfato di gallio GaPO4: non si trova in natura e, per farlo crescere, bisogna partire da acido fosforico H3PO4 e idrossido di gallio GaO(OH) o da gallio metallico Ga e acido fosforico in ambiente di acido nitrico HNO3…

error: Il contenuto è protetto!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi