HGT e didjeridoo

Sul numero di gennaio 2020 di Le Scienze lessi una notiziola che diceva che i coleotteri che si cibano di vegetali lo fanno perché nel loro genoma vi sono geni “adatti” provenienti da diverse specie di funghi e di batteri; geni che...

Quello che tu sai delle donne…

Quello che tu sai delle donne potrebbe essere scritto a grossi caratteri sul retro di un francobollo e resterebbe spazio per un Padre Nostro  – John Boyne È così tonto che prima di fargli capire qualcosa si ha il tempo di ammazzare il suo...

Il figlio non voluto

A novembre 2018 scrissi “Fred e Rocco” (www.giannidallaglio.it/fred-e-rocco/) in cui presentai il nuovo arrivato, un cucciolo trovato per caso a Rocchetta Nervina, randagio e malaticcio, che dopo aver mezzo zampa a Villa Mergellina ha...

La buona politica

È di nuovo febbraio e ogni anno in questo mese abbandono le tristezze e le arrabbiature a sfondo politico-sociale e mi riconcilio coi miei concittadini. Perché partecipo al convegno nazionale del FAI, Fondo Ambiente Italiano. Questo incontro di...

Musica 2

Spero di non annojare troppo Voi Lettori riprendendo brevemente il tema trattato nel messaggio “Musica, musica” di metà dicembre (www.giannidallaglio.it/musica-musica/), a cui alcuni di voi hanno risposto con commenti generalmente...

Musica, musica

Come sapete mi piace scrivere; ogni tanto ci guadagno anche qualcosa, pensa che bello. Mi piace anche leggere, è un po’ un vizio di famiglia. Ci sono vizi peggiori. Mi piace anche ascoltare musica. Spesso trovo interessante andare alla...

Feldenkrais sul Lago Ciad

L’incipit potrebbe essere lo stesso di una roba di due anni fa –  http://www.giannidallaglio.it/intolleranze-paleolitiche/ –  che iniziava con una striscia di Lupo Alberto; saltando i preamboli, la battuta finale era: sullo...

Il rampicante e i phlox

Nel giardino di Ormea c’è “il Rampicante”. Probabilmente è un Polygonum aubertii; lo abbiamo sempre chiamato “il rampicante” senza sapere il nome scientifico ma ora c’è Google Immagini… In realtà sono due...

Deva di Mioglia

Deva: in sanscrito significa Dio, divinità, analogo al “Deus” e al “divinus” latini. Più esattamente “colui/ciò che emana luce” (leggo su Wikipedia, vogliate scusarmi, per approfondire le mie vaghe conoscenze...

error: Il contenuto è protetto!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi