Mi succede, ogni tanto, di leggere qua o là, in un libro o su un muro o altrove, o di ascoltare alla radio o in una canzone, qualche frase, qualche breve pensiero che colpisce la mia attenzione. Perché mi sembra profondo e intelligente, o ironico, o semplicemente buffo. Alcuni di questi pensieri li condivido, altri no, forse qualcuno nemmeno lo capisco bene anche se in qualche modo “mi piace”.

Quando mi ricordo, ne prendo nota, me li scrivo.

Qui ce ne sono alcuni. Prendeteli come preferite, fatene quello che volete. Comunque, buona lettura.

1. Bisogna essere leggeri come una rondine, non come una piuma (Paul Valéry)

2. Quante lingue tu conosci, tante volte tu sei uomo (Mechitar di Sebaste)

3. The more I see, the less I know (Red Hot Chili Peppers)

4. A gentleman will walk but never run (Sting)

5. Dite al treno che io passo una volta sola (da Elena T. – Ferrara)

6. Non c’è gusto in Italia a essere intelligenti (Freak Antoni)

7. Praticate gentilezza a casaccio e atti di bellezza privi di senso (Anne Herbert, tramite Giuliana P. – Genova)

8. Behind every beautiful thing, there’s been some kind of pain (Bob Dylan)

9. La bruttezza è psicosomatica. Uno se la fa da sé… è per questo che tu puoi andare da uno brutto e dirgli “cretino!” (Lupo Alberto)

10. Quelli che “Per principio, non per i soldi”, oh yeah! (Enzo Jannacci)

11. Tanto costumano i Predicatori, che si scagliano più contenziosamente contro quei vizj, de’ quali eglino maggiormente son tinti (Cardinale Giulio Mazzarino)

12. Talvolta penso che il paradiso sia leggere, continuamente, senza fine (Virginia Woolf)

13. Se sei degno del suo amore, un gatto sarà tuo amico, ma mai il tuo schiavo (Theophile Gautier)

14. Ti potranno privare di qualsiasi libertà tranne quella di amare (Silvana Morelli)

15. Non son le stelle a farlo, e i santi men che meno, te lo fai tu il destino (Roberto Vecchioni)

16. La vita è l’infanzia della nostra immortalità (su un murale a Monterotondo Marittimo)

17. L’importante è non arrivarci in fila ma tutti quanti in modo diverso (Lucio Dalla)

18. E tutti cantano “Sia lode”, ma nell’attesa se la fanno sotto (Roberto Vecchioni)

19. Dov’è Dio quando c’è il male? No! Uomo dove sei? Il male lo crea l’uomo. “Adam dove sei?” Questa è la giusta domanda che pone Dio dopo il primo peccato (Padre Giancarlo Bruni)

20. Voi cristiani avete il discorso della montagna e la resurrezione. Cosa trovate di meglio altrove? (Massimo Cacciari)

error: Il contenuto è protetto!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi