A spasso in valle Stura di Demonte

Rivista: Viaggia l’Italia
Rubrica: Vagabondando
Editore: Clementi Editore
Luogo di pubblicazione: Genova
Data: n°33 estate 2006

Leggimi

Ovvio che per chi ha voglia di camminare lassù per le montagne fra boschi e valli d’or gli itinerari non manchino: uno di quelli che conosco io sale al lago di Oserot, piccolo azzurro laghetto carsico a 2300 metri di quota, sul versante nord della valle Stura ai piedi dell’omonimo monte Oserot. Si parte dai 1600 metri di Bersezio e si sale per tre ore (brevi soste comprese) lungo un sentiero tracciato nella più pura montagna cuneese: mucche all’alpeggio, prati da sfalcio che a fine giugno sono coperti di alte erbe e fiori molto policromi, ripide salite fra pini mughi e larici aromatici (amo il profumo dei larici, e camminare sotto quegli alberi eleganti e gentili è per me un rechercher le temps perdu di squisito piacere); poi piccole sorgenti, ampi panorami e infine, verso i 2400 metri del Passo di Rocca Bancia, prati d’alta quota col blu delle genziane, l’azzurro dei nontiscordardime, il bianco delle stelle alpine e il giallo dei… boh, cos’erano quei fiorellini gialli così brillanti? Non ricordo. Oltre il passo la vista si allarga verso le circostanti vette di dura roccia e incerte pietraie e lì sotto appare il laghetto, dalle acque per nulla fredde e piene di girini.

error: Il contenuto è protetto!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi